Effettua l'accesso o una nuova registrazione.

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.

Autore Topic: NIPPON KEMPO  (Letto 1755 volte)

Offline LaLegion

  • Iscritto
  • Post: 34
  • K.Ar.Ma.: +3
  • Pratico: MMA Concepts
Re:NIPPON KEMPO
« Risposta #15 il: Giugno 24, 2016, 16:24:23 pm »
0
Credo che il nippon kenpo fosse una ottima scelta negli anni '70-'80 ma da quando ci sono le MMA trovo abbia poco senso come, personalissima opinione, ha poco senso praticare più stili contemporaneamente. Che a uno possa piacere anche lo stile più particolare è nella natura delle cose ma se si sente il bisogno di integrare oggi abbiamo le MMA oppure il grappling (se vuoi dedicarti solo a tecniche lottatorie) o il K1 (solo per lo striking).
Del resto i primi a capirlo mi pare siano proprio quelli del nippon kempo che, in molti, dalla sera alla mattina si son tolti il kimono e ora si presentano come team di MMA.
Nel dettaglio della disciplina le mie riserve sono:

Mancanza di low kicks;
Guardia in genere molto bassa (anni fa feci una lezione prova ed insistettero molto sul fatto che la guardia doveva rimanere bassa);
Molta pratica del kata (tendenza recente) che io proprio non concepisco in una disciplina da combattimento quale vorrebbe essere;
Sparring con pesanti guantoni che limitano moltissimo l'uso delle tecniche di lotta specie al suolo;

Non conosco il regolamento di gara e quindi non so se ci sono altre limitazioni.




Offline Ale_ale

  • Apprendista guerriero
  • ***
  • Post: 1.808
  • ..........
  • K.Ar.Ma.: +336
Re:NIPPON KEMPO
« Risposta #16 il: Giugno 24, 2016, 16:53:22 pm »
0
Credo che in origine lo scopo fosse quello di allenare la tecnica tradizionale, non il combattimento in se, da questo la scelta di mantenere al centro pratiche come il kata che invece nella tua ottica diviene giustamente inutile. Mi sa che come mentalità è (o era) più vicina al judo o al kendo che ad altre pratiche più sportive. Probabile che sia una pratica in parte superata da altro al giorno d'oggi, per dire, probabilmente è meglio il kudo a questo punto. Ma parlo senza una diretta esperienza, quindi magari non è così  :)

Anche il discorso guardia forse va contestualizzato, in quasi tutte le arti tradizionali la guardia se c'è spesso non è alta. Immagino sia per una diversa distanza e sia per la necessità di proteggere prima la zona dell'addome come bersaglio vitale. Poi magari qualcuno ha spiegazioni migliori da aggiungere   :) 

Offline 360°kombat

  • Praticante
  • **
  • Post: 365
  • LA VIA DELL'UMILTA' PORTA A QUELLA DELLA PACE
  • K.Ar.Ma.: +11
  • Pratico: Vorrei imparare
Re:NIPPON KEMPO
« Risposta #17 il: Giugno 25, 2016, 08:44:21 am »
0
Credo che il nippon kenpo fosse una ottima scelta negli anni '70-'80 ma da quando ci sono le MMA trovo abbia poco senso come, personalissima opinione, ha poco senso praticare più stili contemporaneamente. Che a uno possa piacere anche lo stile più particolare è nella natura delle cose ma se si sente il bisogno di integrare oggi abbiamo le MMA oppure il grappling (se vuoi dedicarti solo a tecniche lottatorie) o il K1 (solo per lo striking).
Del resto i primi a capirlo mi pare siano proprio quelli del nippon kempo che, in molti, dalla sera alla mattina si son tolti il kimono e ora si presentano come team di MMA.
Nel dettaglio della disciplina le mie riserve sono:

Mancanza di low kicks;
Guardia in genere molto bassa (anni fa feci una lezione prova ed insistettero molto sul fatto che la guardia doveva rimanere bassa);
Molta pratica del kata (tendenza recente) che io proprio non concepisco in una disciplina da combattimento quale vorrebbe essere;
Sparring con pesanti guantoni che limitano moltissimo l'uso delle tecniche di lotta specie al suolo;

Non conosco il regolamento di gara e quindi non so se ci sono altre limitazioni.





Sai indicarmi qualche palestra seria di MMA a Como?



Offline Takuanzen

  • Apprendista guerriero
  • ***
  • Post: 2.424
  • K.Ar.Ma.: +910
  • Pratico: Krav Maga (principiante), Yiquan e Taijiquan rielaborati e mixati in maniera personale
Re:NIPPON KEMPO
« Risposta #18 il: Giugno 28, 2016, 23:18:14 pm »
0

Il fondatore del Byakuren andò via per altri motivi, mi pare che se ne sia parlato nel thread dello SK, in soldoni voleva competere nelle gare di combattimento.
Il fatto che ci siano praticanti che fanno altri stili è possibile, ma come detto, non è cosa normale e soprattutto non permesso a chiunque. Il fatto che il tuo amico sia un ex praticante mi fa pensare che sia stato costretto a lasciare ad un certo punto. Che insegni la parte del Juho dello SK può starci visto che è fichissima ....  :D :D vabbe vabbe mi sono lasciato andare ;)
In Italia si permette ad un praticante di altri stili/sistemi di arrivare al 1° Kyu di SK (la marrone di Judo e Karate in generale) poi per prendere la nera deve scegliere le scarpe in cui mettere i piedi.

Gli ho scritto per chiedere informazioni. Mi ha spiegato che ai suoi tempi non c'erano limitazioni così, visto che prima ha praticato Karate e poi Taijiquan. Però il Juho attualmente pubblicamente lo insegna non più come "Shorinji", ma semplicemente come "Kempo" o "Self-Defense". Mi ha detto che lui ci vede molti punti in comune con le applicazioni del Taijiquan: se andrò mai a trovarlo nel suo dojo, mi piacerebbe molto provare anche queste tecniche. Grazie per la risposta! :)


Molta pratica del kata (tendenza recente) che io proprio non concepisco in una disciplina da combattimento quale vorrebbe essere;

Mi ricordo quello che ne disse Tokitsu in un suo libro. Sawayama, il fondatore del Nippon Kempo, era una persona razionale che rifiutò i kata del Judo e del Karate, ritenendoli troppo lontani dalla realtà del combattimento. Creò dei Kata da combattimento che potessero essere più utili a questo scopo. Io lo trovo un progetto interessante come idea: tra l'altro è stato tra i primi ad avere questa visione moderna dei kata. D'altronde ci sono forme con scopi affini anche in stili di Jissen come l'Ashihara.
Io credo che non ci rinunciò per una questione soprattutto culturale, vista l'importanza dei kata nella cultura giapponese.
Li vedo come dei manuali di combinazioni e spostamenti, meno peggio di tanti altri quanto ad applicabilità:






Poi si può discutere sul fatto che esistano metodi di allenamento migliori e più funzionali. Riguardo specificatamente al combattimento, penso di si. ;)
P.S.: sul FAM c'era un utente che lo praticava.
« Ultima modifica: Giugno 28, 2016, 23:19:55 pm da Takuanzen »

Offline Max

  • Eroe
  • *****
  • Post: 4.453
  • K.Ar.Ma.: +1002
  • Pratico: Shorinji Kempo
Re:NIPPON KEMPO
« Risposta #19 il: Giugno 29, 2016, 19:03:49 pm »
+1

Il fondatore del Byakuren andò via per altri motivi, mi pare che se ne sia parlato nel thread dello SK, in soldoni voleva competere nelle gare di combattimento.
Il fatto che ci siano praticanti che fanno altri stili è possibile, ma come detto, non è cosa normale e soprattutto non permesso a chiunque. Il fatto che il tuo amico sia un ex praticante mi fa pensare che sia stato costretto a lasciare ad un certo punto. Che insegni la parte del Juho dello SK può starci visto che è fichissima ....  :D :D vabbe vabbe mi sono lasciato andare ;)
In Italia si permette ad un praticante di altri stili/sistemi di arrivare al 1° Kyu di SK (la marrone di Judo e Karate in generale) poi per prendere la nera deve scegliere le scarpe in cui mettere i piedi.

Gli ho scritto per chiedere informazioni. Mi ha spiegato che ai suoi tempi non c'erano limitazioni così, visto che prima ha praticato Karate e poi Taijiquan. Però il Juho attualmente pubblicamente lo insegna non più come "Shorinji", ma semplicemente come "Kempo" o "Self-Defense". Mi ha detto che lui ci vede molti punti in comune con le applicazioni del Taijiquan: se andrò mai a trovarlo nel suo dojo, mi piacerebbe molto provare anche queste tecniche. Grazie per la risposta! :)

Per essere chiari prima uno può aver fatto qualsiasi cosa, e in un eventuale dopo pure. Il succo sta nel momento in cui pratichi SK.
Anche se si è "lasciato" d'amore e d'accordo con lo SK non ne può usare "troppo" le idee, soprattutto oggigiorno. Poi ovviamente il Juho sono fondamentalmente torsioni, leve e proiezioni (oltre ai principi) quindi anche volendo è difficile impedire a qualcuno di insegnarle in stile SK.
Non avendo mai fatto Taijiquan non so dirti effettivamente se ci sono affinità, anche se il corpo "soffre" allo stesso modo da migliaia di anni quindi è tranquillamente possibile che le leve articolari siano simili ;)
Posso dirti questo, trova una palestra di SK vicina e vai a vedere  senza aspettare di andare in Giappone :thsit:

Offline Takuanzen

  • Apprendista guerriero
  • ***
  • Post: 2.424
  • K.Ar.Ma.: +910
  • Pratico: Krav Maga (principiante), Yiquan e Taijiquan rielaborati e mixati in maniera personale
Re:NIPPON KEMPO
« Risposta #20 il: Luglio 03, 2016, 17:45:49 pm »
+2
Spulciando in questa sezione, ho ritrovato anche questa discussione in tema:

http://forum.artistimarziali.net/index.php?topic=15623.0

Magari può essere utile!
Qui si trovano ad es. informazioni sul regolamento di gara.  :)
« Ultima modifica: Luglio 04, 2016, 10:55:55 am da Takuanzen »