Effettua l'accesso o una nuova registrazione.

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.

Autore Topic: Sullo stage di Monza di Yamada Sensei  (Letto 5968 volte)

Wa No Seishin

  • Visitatore
Sullo stage di Monza di Yamada Sensei
« il: Maggio 29, 2011, 00:58:12 am »
+1
Primo giorno del seminario del Maestro Yoshimitsu Yamada, c.n. 8° dan Shihan e uchi deshi di O Sensei, responsabile dell'Aikikai New York e presidente della United States Aikido[1] Federation.

Mi limito a una breve cronaca della giornata odierna, col linguaggio non forbito :sur: che mi appartiene.
Se cercate qualcosa di raffinato: bai bai. :)


LIMITERO' ANCHE AL MINIMO I DETTAGLI TECNICI: questo è un forum di invidiosi XD, per cui non voglio che voi poco dotati aikidoka :vomit: prendiate spunto dalla bella lezione di oggi per riciclare concetti o frasi e rivenderli come se fossero vostri.
Poverini... :nono: Poveretti... :nono: Poveracci... :nono:



;D ;D ;D



Ok then...

La lezione avrebbe dovuto iniziare alle 9.30. Arrivo sul tatami alle 9.20, incredibilmente in anticipo per i miei standard :whistle:, ma un muro umano[2] mi si para davanti intento a fare stretching. Avrà mica iniziato prima? ??? Già: il capo ha benpensato di cominciare alle 9.15. :dis:

Ultimiamo la ginnastica e cominciamo l'allenamento con una premessa del Maestro: "oggi sarò pignolo sugli ashi sabaki[3] e sui tai sabaki[4]". No hay problema... :thsit:

Iniziamo con 3 forme differenti di Irimi nage: con irimi tenkan lato omote, con assorbimento + irimi (senza chiudere con la gamba interna), e col (sempre che gli invidiosi XD mi facciano passare il termine) "più classico" irimi tenkan lato ura. Sensei ha posto grande enfasi sulla corretta posizione delle spalle di uke rispetto a tori: parallele vs perpendicolari...

Proseguiamo poi, partendo dall'ultima forma di Irimi nage, con Kote gaeshi: molto interessante il discorso fatto sulla diversa distanza (Irimi nage vs Kote gaeshi) tra il corpo di tori e quello di uke. Decisamente non mi trovo a mio agio nel costruire la tecnica in questo modo, differente da quello Enfants de la Patrie a cui mi sono avvicinato negli ultimi anni.

Arriva il momento di Katate ryote tori Ikkyo, "diretto" e con tenkan: movimento ampio[5] delle gambe e delle braccia, e necessariamente ben coordinato. Sennò :vomit:...

Facciamo un passo indietro e introduciamo Kaiten nage riprendendo il movimento visto per Kote gaeshi: ne approfittiamo anche per praticare in gruppi (2 volte la mattina - la seconda con un Kokyu nage - e 2 volte nel pomeriggio).

Breve intermezzo divertente: dall'altra parte del tatami sentiamo gridare a intervalli regolari..."OOOOOH!", "AAAAAH!". Immagino che la facce dei presenti avessero una distribuzione binomiale del tipo ??? :-\, perché qualcuno si è sentito in dovere di tranquillizzare tutti con 2 parole: "Iwama Ryu".

Concludiamo la mattinata con Nikyo, che rivedremo dopo qualche ora, seguito dai consueti Haishin undo e Kokyu.

Decisamente bagnati fradici ci fiondiamo su frutta e bevande gentilmente offerte dall'organizzazione: a questo punto si può anche tornare sul tatami per un po' di stretching, in attesa di azzannare i due panini con le salamelle che mi son preparato 'stamattina. :sbav:

Breve pennica, e puntuali alle 15 riprendiamo: nonostante il temporale di venerdì (ombrello a casa, preso tutto...un grazie a Pisapia >:( :gh:) abbia leggermente abbassato la temperatura, il sole che picchia e il nostro elegante abbigliamento :hakama: rendono comunque piacevole il pomeriggio.

Sensei inizia da Ikkyo, su cui costruisce Nikyo ura per arrivare infine a Sankyo ura: 3 movimenti, distinti prima, concatenati poi. Mi capita un tipo grande (tanto) e grosso (di più) con le mani una volta e 1/2 le mie: quando prendere Sankyo è comodo come tenere un'anguria, rivolta verso terra, con una mano... :dis:

Passiamo a Shomen uchi: Ikkyo - omote e ura - e Shiho nage omote. Nonostante il Maestro ripeta più volte che il contatto col fendente debba essere stabilito con la mano anteriore, sono tanti a usare prima (o soltanto) la mano dietro: abbastanza disperato, prova allora con Kata tori menuchi ("così è impossibile sbagliare") e le cose sembrano andare meglio.

Chiudiamo, a gruppi, con Shomen uchi Ude kime nage "interno": facce perplesse e commenti del tipo "mai vista fare così". La cosa mi perplime[6] anzichenò[7]: l'unica altra volta in cui ho avuto il piacere di praticare col Maestro Yamada (stage di Primavera a Roma, 2007), aveva presentato la stessa identica tecnica. E visto che moltissimi dei presenti segue Sensei con regolarità...:whip:

Il keiko termina nello stesso identico modo di 'stamattina, assalto alla diligenza incluso :ohi:, preceduto da un'anticipazione della lezione di domani: "ho visto che molti hanno difficoltà col footwork (vedi [3]), per cui domani mattina dedicheremo un po' più di tempo al tenkan".



Che dire: 4 ore e 1/2 ben spese. Che hanno avuto anche un grande riscontro in termini di presenze: ho contato circa 130 persone sul tatami. Numeri da grandi occasioni, com'è giusto che sia vista la qualità del Maestro.

Toccante infine, parlando con i ragazzi che hanno fatto lo sforzo di invitarlo, sentire che prima di andarsene è stato Tamura Sensei, senpai e amico di lunga data, a pregare Yamada Sensei di "prendersi cura" di questo gruppo, e di organizzare il suo primo seminario a Monza. Bel gesto... :thsit:
 1. Dorje, deve esserci un bug nell'editor dei post: come si toglie il grassetto dalla parola Aikido?
 2. leggi taaaaante persone
 3. movimento dei piedi
 4. movimento del corpo
 5. caratteristico dell'Aikido di Yamada Sensei
 6. mi sto Thumizzandooooooo
 7. cit. Lord Wells
« Ultima modifica: Maggio 29, 2011, 21:07:38 pm da Wa No Seishin »

Wa No Seishin

  • Visitatore
Re:Sullo stage di Monza di Yamada Sensei
« Risposta #1 il: Maggio 30, 2011, 00:12:46 am »
+1
Condivido con voi, fratelli miei, alcuni pensieri dopo questa seconda giornata di stage con Yamada Sensei.
Perché Aikido[1] è Peace; perché Aikido è Love; perché c'è bisogno di luce in questa epoca oscura. :nin:


Oggi il capo non ha benpensato di iniziare prima, e nonostante io ce l'abbia messa tutta per arrivare in ritardo, alle 9.30 son riuscito a planare sulla materassina. :ohiohi:

Si inizia con Kokyu, seguito da una breve ginnastica.

Finiamo subito in ginocchio. Shomen uchi Ikkyo, penso io. Nein! Kokyu ho!
A inizio lezione? ??? Già: Sensei decide di introdurre così il lavoro che faremo per buona parte della mattinata, in Tachi waza, su Ryote tori. Movimento delle braccia - relax, take it easy - verso l'alto, fin sopra la testa di uke, e dita delle mani rivolte verso il basso (L'uccello d'acqua di Nanto sarebbe fiero di noi 8)).

Appena tornati in piedi applichiamo lo stesso principio a (un) Kokyu nage.
Richiesta del Maestro: un solo spostamento laterale, ma niente irimi (poi) a chiudere la distanza. Il tutto si risolve nel proiettare uke parcheggiandogli le mani addosso (tutti avevano già sceso il cane per pisciarlo, per cui tuttobbene). Visto che stiamo praticando in gruppi, ci guardiamo anche intorno preoccupati: "OOOOOH!" e "AAAAAH!" per ora non pervengono... :gh:

Gentilmente il capo, intuito che molti hanno ancora la colazione sullo stomaco, passa a Ryote tori Koshi nage. :vomit:
Quanti anni son passati dall'ultima volta che ho fatto Koshi nage a un seminario? :om: Ah si: più o meno Genova 2006, stage del Maestro Tissier.

Questa volta ci muoviamo un po' di più: ushiro tenkan per "chiamare" uke e irimi per proiettare. Inizialmente facciamo più o meno tutti un passo indietro in linea retta: peccato però che così non ci sia poi lo spazio per "caricare" correttamente uke.
Sensei integra la spiegazione data in precedenza: indietreggiare a compasso e entrare nello stesso modo. Già, decisamente così funziona meglio. :thsit:

Il lavoro su Ryote tori dura circa un'ora.
Altri Kokyu nage. Un classico Tenchi nage (ma non a tutti è chiaro che, a seconda della posizione dei piedi di uke, Tori va a Milano o a Roma), seguito poi da un Ikkyo un po' diverso dallo standard a cui sono abituato (niente Atemi, e uscita sul lato ura anche quando eseguo omote).

Dopo una breve pausa cambiamo attacco: Katatori menuchi.

Vediamo la differenza tra aspettare l'attacco di uke e attaccare uke, iniziando da Kote Gaeshi.

Come promesso ieri, Yamada Sensei focalizza la sua attenzione sulle diverse possibilità di eseguire tenkan, spiegando i vantaggi di un movimento breve (poco meno di 90°) rispetto a uno più profondo. Vista la solidità della posizione che tori assume con quel tipo di spostamento, diventa impossibile non comprendere perché Kote gaeshi sia una tecnica "bassa". Dopo anni di raduni passati a far fatica a portar giù uke per poi farlo rialzare prima di portarlo di nuovo giù (Roll on roller coaster, roll on tonight), la cosa mi rincuora parecchio... :)

Passiamo a Nikyo: ho il piacere di praticare con Michelle Feilen, che oltre ad avere un sito internet niente male :blue: (a parte la musichetta assillante :-X), segue da anni in giro per il mondo Yamada Sensei. Cosa che, se anche non sapessi già, potrei intuire semplicemente osservandone il tai sabaki essenziale.

L'ultima tecnica, prima del meritato Jiyu waza a gruppi, è Shiho nage: già mi incasino perché non posso infilare la testa sotto al gomito di uke (Yamada Sensei ha mostrato un'esecuzione differente), in più becco ancora il tipo grande e grosso di ieri. Per fortuna che è simpatico: viste le difficoltà che ho a spostarlo, almeno ci faccio volentieri due chiacchiere. XD

Finiamo la lezione, come detto, giocando in allegria. Gli "OOOOOH!" e "AAAAAH!" echeggiano nuovamente, e noi tutti da preoccupati torniamo a rilassarci: nessuno ha lasciato le penne sul tatami.

Ultimato lo stage, in tanti assaliamo Yamada Sensei per le foto di rito (che non posso pubblicare: ha ragione Pier quando dice che col GI e la barba sembro un talebano) o per fare due chiacchiere. Chi prima, chi poi.
Io propendo per il poi. La vita è fatta di priorità: bevande e frutta sono appena comparse, e stimo che, dato che la compagnia non gli manca, il capo non potrà sparire nei prossimi 10 minuti. Per cui prima faccio il pit stop e solo dopo gli rompo le palle.

Però, però...mmm...manca qualcosa... :-\ Cosa sto dimenticando? :om:

Ah si, quello che ci ha detto Yamada Sensei durante la pausa di metà mattinata.

Premessa: è da ieri che confabulo con un amico di vecchia data del mio Maestro. Argomento: O Sensei insegnava ai suoi studenti i sutemi? 'Stamattina ci guardiamo e ci diciamo: abbiamo qui Sensei, chiediamo a lui.


"Sensei, one question please: did O Sensei Morihei Ueshiba use to teach sutemi to his students?"

"No. Never."


Visto da chi proviene la risposta, direi che non c'è altro da aggiungere: almeno durante il lungo periodo in cui Yamada Sensei è stato uchi deshi di O Sensei, di sutemi manco l'ombra...


Passo e chiudo, ricordandovi - qualora decideste di diffondere ai vostri poco frequentati seminari il sapere acquisito su questo Forum XD - di citare la fonte di suddetto sapere.


Andate in pace, nel nome di Ar.Ma. e dell'Aikido.
Che Amore e Armonia siano con voi, perché All You Need Is Love (but not self-made, altrimenti diventate ciechi)!


Dott. Frà Uà
 1. Macchinista, 'sto caxxo di problema col grassetto quando lo risolvi?

Offline Rev. Madhatter

  • Mietitore
  • ******
  • Post: 14.967
  • Perchè pratichi?
  • K.Ar.Ma.: +6896
  • Pratico: CACC, but still Muay Thai inside.
Re:Sullo stage di Monza di Yamada Sensei
« Risposta #2 il: Maggio 30, 2011, 00:19:00 am »
0
 ;D
Peccato che la stupidità non sia dolorosa.
(A. S. LaVey )

il test d'ingresso funziona così
"ISCRIVITI GRATIS
va bene
SONO CENTO €
ma avevate detto gratis
SONO PER LE SPESE DI SEGRETERIA ..."

se ti lamenti, non sei adatto ad essere munto, altrimenti cerimonia del the in arrivo e tutti col collo gonfio ad accoglierti

marco

  • Visitatore
Re:Sullo stage di Monza di Yamada Sensei
« Risposta #3 il: Maggio 30, 2011, 00:42:37 am »
0
WNS i tuoi resoconti fanno ..schifo. :gh:
Manco du risate, un po' de gossip, quanta fi.. ci fosse sul tappeto, un po' de sangue ...
La prossima volta applichete de più.

Offline Takuanzen

  • Apprendista guerriero
  • ***
  • Post: 2.421
  • K.Ar.Ma.: +910
  • Pratico: Krav Maga (principiante), Yiquan e Taijiquan rielaborati e mixati in maniera personale
Re:Sullo stage di Monza di Yamada Sensei
« Risposta #4 il: Maggio 30, 2011, 09:13:23 am »
0
Grande Wa: un resoconto molto completo, appassionato e divertente. :D :D
Peace and Love!! :blue:

Offline Fabio Spencer

  • Mietitore
  • ******
  • Post: 8.584
  • K.Ar.Ma.: +3565
  • Pratico: Marpionamento compulsivo dell'ispettore capo O'Hara. MMAssoneria.
Re:Sullo stage di Monza di Yamada Sensei
« Risposta #5 il: Maggio 30, 2011, 10:11:00 am »
0
Ciao Wa.
Complimenti per il report.
Ma da ignorantone one one, così il Sutemi?
http://www.youtube.com/watch?v=p42JQWNlATA
"vi prego di notare l'eleganza del piano nella sua semplicità...."
(Sorry, but you are not allowed to access the gallery)

Offline Darth Dorgius

  • Il Gestore
  • Macchinista
  • Mietitore
  • *****
  • Post: 19.697
  • K.Ar.Ma.: +3342
  • Pratico: Burpees :P
Re:Sullo stage di Monza di Yamada Sensei
« Risposta #6 il: Maggio 30, 2011, 10:18:49 am »
0
Ciao Wa.
Complimenti per il report.
Ma da ignorantone one one, così il Sutemi?

Ho appena aperto un thread: http://forum.artistimarziali.net/index.php?topic=8125.0

 :)
Cittadino del Territorio Libero di Trieste.

Offline Fabio Spencer

  • Mietitore
  • ******
  • Post: 8.584
  • K.Ar.Ma.: +3565
  • Pratico: Marpionamento compulsivo dell'ispettore capo O'Hara. MMAssoneria.
Re:Sullo stage di Monza di Yamada Sensei
« Risposta #7 il: Maggio 30, 2011, 11:10:51 am »
0
Ciao Wa.
Complimenti per il report.
Ma da ignorantone one one, così il Sutemi?

Ho appena aperto un thread: http://forum.artistimarziali.net/index.php?topic=8125.0

 :)
Grazie.
Non pensavo fosse un argomento così ampio da aprire un tread nuovo per non andare OT.
Ignoranza mia.
Adesso vado subito a leggermelo.
http://www.youtube.com/watch?v=p42JQWNlATA
"vi prego di notare l'eleganza del piano nella sua semplicità...."
(Sorry, but you are not allowed to access the gallery)

Offline Darth Dorgius

  • Il Gestore
  • Macchinista
  • Mietitore
  • *****
  • Post: 19.697
  • K.Ar.Ma.: +3342
  • Pratico: Burpees :P
Re:Sullo stage di Monza di Yamada Sensei
« Risposta #8 il: Maggio 30, 2011, 11:16:03 am »
0
Non pensavo fosse un argomento così ampio da aprire un tread nuovo per non andare OT.
Ignoranza mia.
Adesso vado subito a leggermelo.

Oh ma... Manco io lo so.

E poi immagino che dipenda da quanto gossip si possa fare... :spruzz: XD
Cittadino del Territorio Libero di Trieste.

Wa No Seishin

  • Visitatore
Re:Sullo stage di Monza di Yamada Sensei
« Risposta #9 il: Maggio 30, 2011, 22:52:47 pm »
0
E poi immagino che dipenda da quanto gossip si possa fare... :spruzz: XD

XD

Offline Ookamiyama

  • Praticante
  • **
  • Post: 539
  • K.Ar.Ma.: +94
Re:Sullo stage di Monza di Yamada Sensei
« Risposta #10 il: Giugno 06, 2011, 16:34:46 pm »
0
Bello e ben espresso. Grazie

Wa No Seishin

  • Visitatore
Re:Sullo stage di Monza di Yamada Sensei
« Risposta #11 il: Giugno 06, 2011, 23:01:59 pm »
0
Ricevo 'stamattina un PM su Facebook:


Un saluto dal "tipo grande (tanto) e grosso (di più) con le mani una volta e 1/2 le mie", ciao al prossimo stage..


Ciao W., alla prossima! :thsit: :sur:

Offline Andy

  • Eroe
  • *****
  • Post: 6.038
  • K.Ar.Ma.: +3190
  • Pratico: BJJ, Judo
Re:Sullo stage di Monza di Yamada Sensei
« Risposta #12 il: Giugno 06, 2011, 23:39:14 pm »
0
WNS, non ti conosco, ma da oggi ufficialmente ti odio.
Con tutti quei termini aikidoistici ho capito poco e un cazzo, mi hai fatto sentire come Costantino Vitaliano al Salone del Libro di Torino.   :'(

Wa No Seishin

  • Visitatore
Re:Sullo stage di Monza di Yamada Sensei
« Risposta #13 il: Giugno 06, 2011, 23:55:18 pm »
0
Costantino Vitaliano

:o Guai a nominare quel personaggio su questo Forum... XD

Per il resto, non penso che un glossario ti avrebbe aiutato.
Forse "torsione esterna del polso" (Kote gaeshi) si capirebbe, ma tradurre il resto non so quanto potrebbe essere utile...

Offline Andy

  • Eroe
  • *****
  • Post: 6.038
  • K.Ar.Ma.: +3190
  • Pratico: BJJ, Judo
Re:Sullo stage di Monza di Yamada Sensei
« Risposta #14 il: Giugno 07, 2011, 17:12:44 pm »
0
Costantino Vitaliano

:o Guai a nominare quel personaggio su questo Forum... XD

Per il resto, non penso che un glossario ti avrebbe aiutato.
Forse "torsione esterna del polso" (Kote gaeshi) si capirebbe, ma tradurre il resto non so quanto potrebbe essere utile...
No, infatti. Dubito fortemente esistano termini più efficaci di quelli per indicare le tecniche e i concetti. :)